Chi Siamo

TerreMOti racconto nasce da un’idea di Isabella (che si definisce una “fotoamante”), di Massimo (l’informatico di Informanet) e di Marlene (blogger).
Il terremoto che ha colpito l’Emilia ha scosso oltre che la terra, anche le nostre vite. Ci avevano raccontato che l’Emilia era a basso rischio sismico, e invece ci siamo ritrovati a misurare le nostre vite con un questo evento completamente al di fuori delle nostre possibilità di controllo.
L’idea era nata già all’indomani della prima scossa delle 4.04 del 20 maggio. Le prime notizie su Twitter, ci confrontavamo se era accaduto davvero, e ci chiedevamo se stavamo tutti bene.
Nei giorni seguenti sul web ci siamo imbattuti in storie, cronache, racconti, foto, tutti appunti di chi quel terremoto lo aveva vissuto in prima persona e aveva voglia di esorcizzare la paura attraverso parole ed immagini.
E abbiamo pensato: perché non raccoglierle tutte in un contenitore, come una scatola da riaprire quando si spegneranno i riflettori sulla nostra terra.
Poi le scosse sono diventate 4, e anche il nostro progetto ha incominciato un po’ a traballare.
Ma adesso eccolo qua. E quando ognuno di noi avrà dato il suo contributo, saranno tutti contenuti in un e-book, scaricabile gratuitamente.
Abbiamo iniziato chiedendo l’autorizzazione di pubblicazione a chi aveva già scritto qualcosa, ma all’indirizzo storie@terremotiracconto.it o attraverso il form potrete dare il vostro contributo sottoforma di parole e immagini.

TerreMoti racconto su facebook

Gallery

Medolla Le_parole_ai_tempi_del_terremoto 11 un-giorno-a-San-Felice (038) un-giorno-a-San-Felice (052) un-giorno-a-San-Felice (055) un-giorno-a-San-Felice (079) un-giorno-a-San-Felice (105) un-giorno-a-San-Felice (139) un-giorno-a-San-Felice (149) un-giorno-a-San-Felice (166) un-giorno-a-San-Felice (176) un-giorno-a-San-Felice (185) un-giorno-a-San-Felice (191) un-giorno-a-San-Felice (249)