Le Storie

Il nastro

Modena è viva più che mai questo sabato pomeriggio post-terremoto. Il centro brulica di negozi aperti, di mercatini e locali affollati. La gente cammina, si parla, si abbraccia. Modena non vuole avere sempre paura.

Velocemente sono stati raccattati i cocci, ripulite le strade. Subito è stato fatto ripartire l’orologio del Municipio, fermo sulla prima scossa del 29 maggio.

Resta il nastro, bianco e rosso, una benda sulle nostre ferite e sulla nostra storia.

Discussion

No comments yet.

Post a Comment

TerreMoti racconto su facebook

Gallery

Cavezzo (2) un-giorno-a-San-Felice (015) un-giorno-a-San-Felice (069) un-giorno-a-San-Felice (097) un-giorno-a-San-Felice (107) un-giorno-a-San-Felice (129) un-giorno-a-San-Felice (140) un-giorno-a-San-Felice (181) un-giorno-a-San-Felice (187) un-giorno-a-San-Felice (230) un-giorno-a-San-Felice (248) un-giorno-a-San-Felice (275) un-giorno-a-San-Felice (283) un-giorno-a-San-Felice (311)